L’audizione di Erasmo al dipartimento di politiche europee

Raccogliendo l’invito del dipartimento per le Politiche Europee della presidenza del consiglio dei Ministri, nell’ambito delle attività italiane in relazione alla Conferenza sul futuro dell’Europa, l’Associazione Erasmo – Moving Europe Forward, composta da professionisti, studenti, ricercatori imprenditori e appassionati con esperienze in attività europee, culturali, economiche e inerenti il terzo settore, lo scorso 14 giugno ha partecipato alla terza giornata di audizioni.

Nel corso dell’incontro sono state illustrate non solo idee e proposte utili per uno sviluppo solido della dimensione continentale, ma anche il progetto #Europe2121, focalizzato sull’analisi dei principali appuntamenti in programma, non soltanto in Ue, nei prossimi 24 mesi. 

L’iniziativa di Erasmo è patrocinata dalla Rappresentanza in Italia della Commissione Europea e dall’Agenzia Nazionale per i Giovani e conta sulla media partnership de Linkiesta e sul contributo di Spinelli GroupItalia CampCultura ItaliaeRe-Generation Youth Think Thank, Comunità di ConnessioniGarage Erasmus, Fondazione Antonio Megalizzi, oltre che sul supporto tecnico del Centro Studi Internazionali e sul sostegno di A2A.

“Le audizioni andranno avanti per tutto il periodo della Conferenza – ha dichiarato in apertura, il direttore dell’Ufficio per il coordinamento delle politiche dell’Unione europea, Francesco Tufarelli – affinché in questi dieci mesi che ci separano all’evento conclusivo previsto nella primavera 2022, possa essere fornita alla delegazione italiana e all’assemblea di Bruxelles un’idea precisa di cosa pensa e vuole la società civile nel nostro Paese”.

Quindi è stato il turno del presidente di Erasmo, Giacomo D’Arrigo“La Conferenza non può sprecare l’occasione di essere il luogo della partecipazione e del confronto: deve indicare una direzione di marcia” ha dichiarato, spiegando che l’ultima volta in cui l’Europa si è trovata in un contesto di tale coinvolgimento collettivo è stato per l’entrata in vigore della moneta unica.

Attenzione è stata quindi rivolta alla mobilità, tra le conquiste più importanti dell’Europa attuale, ma pure tra quelle maggiormente minacciate dai recenti eventi, da Brexit alla pandemia. La libera circolazione è stata, infatti, storicamente trampolino decisivo per la crescita complessiva dell’Ue. In tal senso, Erasmo, con il suo network, si propone di dare il proprio contributo al dibattito generale, analizzando politiche pubbliche e supportando lo sviluppo del capitale umano. Non lesinando, se necessarie, critiche, ma sempre all’interno di un imprescindibile contesto comunitario. 

Iscriviti alla newsletter

Inserisci qui il tuo indirizzo email e iscriviti alla nostra newsletter!